Che Cosa Significa Vintage Italia

Che cosa significa “vintage” e come si esplicita in Italia?

Dovendo fare una classifica dei termini più utilizzati a sproposito, nei settori più disparati, “vintage” occuperebbe una posizione decisamente importante. In un’era nella quale la nostalgia ed i ricordi tendono ad accrescere il valore di qualsiasi cosa arrivi da un recente passato (si pensi all’odierna mania per gli anni ‘80 e per il loro immaginario che sta invadendo cinema, musica e televisione) si tende infatti fin troppo spesso a dimenticare che dietro ad una parola così abusata si nasconde una cultura sconfinata e ricca di sfumature. Tanto che noi di Millelire, ad esempio, ne abbiamo fatto uno stile di vita e siamo certi che il vintage non sia una moda e che anzi si tratti di tutt’altro: il vintage è come noi, semplice, puro e fuori moda. Ma lasciamo per un attimo da parte la nostra ideologia e andiamo ad approfondire il concetto dell’essere vintage, partendo dalle basi…

Le origini del termine: un sapore unico di epoche passate

Spesso si dice che le parole sono importanti, ma lo sono ancor di più le loro origini: per meglio capire cosa significhi vintage, quindi, così come si fa per qualsiasi altro termine è necessario partire dall’etimologia; il vocabolo in sé deriva dal francese e per la precisione da vendenge, ossia vendemmia, che a sua volta arriva dal latino vindemia. In Francia il termine viene dunque comunemente utilizzato per distinguere un vino particolarmente pregiato, il cui valore viene conferito dall’invecchiamento. Nella moda – così come nel campo delle automobili e dei mezzi di trasporto in generale, nell’arredamento ma anche nell’oggettistica o nella bigiotteria – il principio rimane inalterato: viene considerato vintage ciò che appartiene a un’epoca passata ed ha lasciato un marchio indelebile nella storia. Certo non è una definizione scientifica; c’è chi considera vintage, ad esempio, solo gli oggetti d’epoca e fuori moda che abbiano superato i vent’anni d’età. Altri ancora si basano su criteri del tutto personali e filologici quali il design, i colori oppure le forme. Ma come unico denominatore comune, ciò che viene considerato vintage deve evocare un’epoca ormai passata ma mai dimenticata e testimoniare lo stile di un periodo storico: in genere si tratta di oggetti di culto, irripetibili per la loro qualità e irriproducibili per definizione; noi di Millelire ne siamo ben consapevoli, ma ci mettiamo tutto il cuore e la passione per cercare – con i nostri accessori – di farvi avvicinare il più possibile alle sensazioni che solo un oggetto davvero vintage può regalarvi.

Il valore del vintage nell’era moderna

Ma perchè il gusto e lo stile per il vintage sono così importanti al giorno d’oggi? Sappiamo bene quanto sia difficile, ma proviamo ugualmente a rispondervi ponendo l’accento non tanto sul valore – comunque assodato dalla prova del tempo – del passato in sé, quanto sull’importanza del concetto di artigianato. In un’epoca dominata da un’industrializzazione che ha quasi del tutto neutralizzato i processi e la maestria dei grandi artigiani, sostituendoli con gli automatismi delle macchine, non c’è nulla di più essenziale e genuino di un ritorno al lavoro manuale; certo in questi intenti vi è una malinconica vena di romanticismo, non lo neghiamo, ma quella personalità e quella tangibilità di cui parliamo – propria delle epoche passate – è ciò che ci fa amare il vintage più di ogni altra cosa: non soltanto indossare un vestito o guidare un mezzo, quindi, ma essere in grado di assaporarne la storia anche solo respirandola grazie a quella connessione unica che si viene a creare fra l’artigiano e il fruitore. Non a caso in molteplici campi il concetto di vintage viene sempre più ricercato anche dai grandi maestri, come ad esempio i maggiori stilisti mondiali: il bisogno di guardare indietro per riappropriarci del nostro passato, il gusto per l’oggetto di qualità artigianale, la necessità di fermarsi da questo strenuo inseguimento dell’innovazione a tutti i costi. Sono tutte sensazioni umane e comprensibili che rendono il vintage un’esigenza sempre più irresistibile, non solo per chi ama la cura per il dettaglio e per i materiali preziosi ma anche e soprattutto per chi ambisce un ritorno a ritmi più lenti ed umani, a chi ama le proprie radici e a chi desidera il riscatto dell’estetica sulla sostanza.

Il concetto vintage in Italia: uno stile unico per un paese unico

Noi di Millelire siamo particolarmente orgogliosi di vivere in un paese come l’Italia, che più di qualsiasi altro ha contribuito nel suo passato ricco di glorie a sfornare innumerevoli oggetti che si possono considerare la summa del vintage. Solo nel campo dei motori, ad esempio, come Italia abbiamo avuto l’onore di regalare al mondo un’automobile come la Fiat 500: diretta discendente della “Topolino” (anch’essa a suo modo simbolo di un’epoca), questa vettura che rimane ancora nel cuore di molti – nonché nell’immaginario collettivo mondiale – è stata presentata nel luglio del 1957 e dopo un’iniziale freddezza del pubblico divenne una vera e propria istituzione, con la sua capote a tela e le caratteristiche portiere con apertura “a vento” per via dell’incernieratura posteriore. Oppure, nel settore delle due ruote, lo scooter tutt’oggi più famoso al mondo: era il marzo del 1946 quando la Piaggio presentava la sua mitica Vespa alla Mostra della Meccanica e Metallurgia di Torino. Nel corso dei decenni successivi, grazie al suo design unico e alla pratica carrozzeria portante che le permetteva di essere utilizzata con l’abbigliamento di tutti i giorni, il mezzo in questione è diventato simbolo di Italia nel mondo. Si tratta solo di alcuni esempi, magari più rappresentativi di altri, ma il Belpaese è stato creatore in passato di innumerevoli altre icone del vintage: si pensi alle radio e ai giradischi di Radiomarelli e Phonola, alle linee di abbigliamento hippie firmate da Missoni sul finire degli anni ‘60 oppure ancora agli apparecchi d’elettronica di consumo della Candy… il viaggio nel mondo del vintage (italiano e non) è pressoché infinito. Esploratelo assieme a noi!