Clark Terry

Chi era Mumbles? La storia di Clark Terry

Clark Terry, soprannominato “Mumbles,” è una figura leggendaria nel mondo del jazz. Trombettista, compositore e flicornista statunitense, Terry è nato a St. Louis il 14 dicembre 1920 e ha avuto una carriera lunga 60 anni, lasciando un’impronta indelebile nella storia del jazz. In questo articolo, esploreremo la straordinaria carriera di Clark Terry, dalla sua giovinezza nei locali notturni di St. Louis fino alle sue esibizioni memorabili alla “Tonight Show” e oltre.

I Primi Passi nell’Universo del Jazz e dello swing

Clark Terry iniziò la sua carriera professionale nei primi anni ’40, suonando nei club notturni di St. Louis. Questi primi anni furono fondamentali per plasmare il suo stile unico, che combinava le sonorità della sua città natale con gli stili contemporanei del jazz. Questa fusione di influenze avrebbe poi influenzato numerosi musicisti più giovani, tra cui leggende come Miles Davis e Quincy Jones.

Durante la Seconda Guerra Mondiale, Terry si unì all’orchestra della Marina Militare statunitense, continuando a coltivare la sua passione per il jazz e migliorando il suo stile. Dopo la guerra, si unì a diverse orchestre, tra cui quella di Charlie Barnet, Count Basie e Duke Ellington. Questi anni trascorsi con Basie ed Ellington furono cruciali per la sua crescita come musicista e per la sua popolarità nel mondo del jazz.

Il Virtuosismo di Clark Terry

Clark Terry era noto per la sua tecnica raffinata e la sua abilità nell’esplorare una vasta gamma di stili musicali, dalla melodia ritmata dello swing al suono dissonante dell’hard bop. La sua abilità tecnica gli permise di diventare uno dei trombettisti principali nell’orchestra di Duke Ellington, contribuendo alle celebri “suites” dell’artista.

Terry aveva una capacità unica di adattarsi a diverse situazioni musicali, e questa versatilità lo rese altamente richiesto in sessioni di registrazione e collaborazioni con artisti di spicco. Era in grado di comunicare attraverso la sua tromba in modo straordinario, catturando l’attenzione e l’emozione del pubblico.

“Mumbles” e il Successo alla “Tonight Show”

Una delle tappe più significative nella carriera di Clark Terry fu la sua apparizione regolare alla trasmissione televisiva serale “The Tonight Show,” condotta da Johnny Carson. Qui, si esibì con la “Tonight Show Band” sotto la direzione di Doc Severinsen. La sua abilità nel cantare scat gli valse il soprannome “Mumbles” e una notevole popolarità tra il pubblico televisivo. Questa esperienza fece di lui il primo strumentista afro-americano mai assunto dalla National Broadcasting Company (NBC).

Una Lunga Carriera di Successi

Negli anni ’70, Clark Terry iniziò a concentrarsi sul flicorno, ampliando ulteriormente la sua versatilità musicale. Continuò a esibirsi con piccoli gruppi e guidò la “Big B-A-D Band.” Le sue esibizioni includono apparizioni prestigiose alla Carnegie Hall, alla Town Hall e al Lincoln Center. Inoltre, partecipò a tournée con i “Newport Jazz All Stars” e “Jazz at the Philharmonic,” consolidando ulteriormente il suo status di icona del jazz.

Durante la sua straordinaria carriera, Clark Terry incise più di trecento album come leader e sideman, oltre a comporre più di duecento canzoni jazz. La sua musica ha raggiunto sette presidenti degli Stati Uniti, testimonianza della sua influenza e del suo impatto nella scena musicale americana.

Durante la sua carriera Terry ha ricevuto molti premi e riconoscimenti, tra cui l’elezione alla National Endowment for the Arts Jazz Hall of Fame nel 1991,  un Grammy Award, due “Grammy certificates”, e tre Grammy nominations, oltre a quindici dottorati onorari e molto altro.

Le Collaborazioni Memorabili

Le collaborazioni di Clark Terry con grandi artisti del jazz sono leggendarie. Ha condiviso il palco e registrato brani indimenticabili con musicisti del calibro di Duke Ellington, Count Basie, Quincy Jones, Ella Fitzgerald, Dizzy Gillespie, Ray Charles, Thelonious Monk,  Billie Holiday, Sarah Vaughan, e molti altri. La sua versatilità e il suo talento unico gli hanno permesso di adattarsi a una vasta gamma di stili musicali e di creare un’impronta indelebile nella storia del jazz.

Conclusioni

La tecnica straordinaria di Clark Terry, la sua la versatilità e la sua presenza scenica carismatica lo hanno reso una figura leggendaria nel mondo del jazz. La sua musica continua a ispirare musicisti di tutto il mondo e il suo contributo rimarrà indelebile per le generazioni future.

Se la storia di Mumbles ti ha incuriosito resta connesso al blog Millelire per avere altre info sulla storia dello swing.

Alla prossima!