Trickeration routine

Trickeration routine: la coreo jazz di Norma Miller

Hai presente leggendaria ballerina Norma Miller, definita “la Regina dello Swing” per le sue incredibili performance all’interno dei Whitey’s Lindy Hoppers del Savoy Ballroom? Oggi vogliamo parlarti della sua incredibile coreografia, la Trickeration routine; questa coreo è considerata la più difficile nell’ambito del solo jazz per le difficoltà ritmiche. Noi vogliamo parlarti della sua storia e delle sue caratteristiche uniche!

Trickeration routine: dalle chorus girls a Norma Miller

Il termine “trickeration” è originario dello slang afroamericano: deriva dalla combinazione delle parole “trickery” (inganno) e “-ation”.

Pare che il suo primo utilizzo risalga al titolo della canzone “Trickeration” di Cab Calloway, pubblicata nel 1931. Ma qual è il suo collegamento con la famosa coreo di Norma Miller?

In quel periodo, il famoso cantante e musicista si esibiva regolarmente al Cotton Club con la sua orchestra come “house band”. Le ricostruzioni attribuiscono la prima creazione della coreografia alle ballerine che si esibivano regolarmente al  locale, e che potevano aver sentito per prime il brano di Calloway.

In  seguito, la routine è stata eseguita dal corpo di ballo dell’Apollo Theatre di New York, ossia le ballerine di fila Chorus Girls.

Fu proprio da queste ultime che Norma Miller “prese in prestito” la base della Trickeration negli anni ’30. La regina dello swing definì, infatti, la coreografia originale come “l’ultimo esempio del grande e autentico jazz delle Chorus Girls di Harlem”.

Norma aggiunse dei nuovi passi e fece alcuni cambiamenti ritmici che resero la coreo particolarmente complessa. La sua Trickeration divenne un intermezzo durante le sue esibizioni, ma fu, soprattutto, materiale d’esame per le audizioni dei ballerini che desideravano entrare nel suo corpo di ballo, date le difficoltà ritmiche e la complessità dei movimenti.

La Trickeration di Norma Miller

La routine che Norma utilizzava più spesso nei suoi intermezzi e insegnava agli allievi è solo una parte di una coreografia più ampia. Pare, che l’intera routine sia andata persa nel corso del tempo.

Norma utilizzava parti della Trickeration, in modo simile a come i ballerini di tip tap utilizzano il coro B.S.

Ad esempio, poteva servire da fundamental Jazz steps per i suoi danzatori. Norma la utilizzava anche come come parte integrante di altre coreografie di Lindy Hop e Jazz che ha assemblato nel corso degli anni.

Nel 2016, è stata commissionata una coreografia a Norma con l’aiuto di Chazz e Chester che includeva molti passi di Trickeration. Questa routine, eseguita su “Rock-a-bye Basie“, è stata, a volte, confusa con la coreografia originale.

Se vuoi farti un’idea di cosa sia e quale difficoltà abbia la Trickeration routine guarda questo video, in cui Brozowski  la interpreta sotto la supervisione della stessa Norma Miller:

 

Scomparsa e rinascita della Trickeration

Sul finire degli anni ’40, il lindy hop iniziò ad essere sempre meno ballato, fino ad essere sostituito dal jitterbug; così i ballerini iniziarono a perdere fama. Fu così, che anche la Trickeration sparì dalle esibizioni pubbliche.

Solo nel 2010, durante una serie di master class a New York, Norma riportò la Trickeration alla luce. Il merito fu anche del ballerino e insegnante Adam Brozowsky, che fece alcuni masterclass con Norma. Fra i due artisti si stabilì un sodalizio artistico importante e cercarono di combattere insieme, attraverso la danza, alcune battaglie sui diritti civili.

Dal 2010 i ballerini di jazz e lindy hop provenienti da tutto il mondo poterono familiarizzare con la coreografia della prima metà del secolo scorso.

Ci fu però un cambiamento riguardo la sceltà della musica: in tempi recenti Norma e Adam preferivano insegnare la coreo sul brano “Jive at Five” di Count Basie. Oggi il brano è associato alla Trickeration a livello globale.

Conclusioni

La Trickeration è una delle coreografie più celebri e coinvolgenti del mondo del lindy hop e del jazz. Creato dalla leggendaria Norma Miller, questo spettacolare pezzo di danza rappresenta un’interessante connessione tra la storia del lindy hop e il periodo d’oro delle Chorus Girls di Harlem. Con i suoi rapidi cambi di ritmo e la sua energia travolgente, la Trickeration continua a stupire e divertire ballerini e appassionati di danza in tutto il mondo.

E tu ti sei mai misurato con la Trickeration di Norma Miller? Se hai già provato ad impararla e vuoi assicurarti degli slide perfetti e dei movimenti sicuri, ti consiglio di ballare con le nostre scarpe Millelire ai piedi! Vai sul nostro shop e scegli la suola in cuoio nello stile che preferisci per ballare sicura!