Woody Herman

Woody Herman, clarinettista e scopritore di talenti swing!

Woody Herman è stato uno dei grandi protagonisti dell’era dello swing, ma la sua influenza e il suo impatto sulla musica non si limitano solo alla sua carriera di clarinettista e band leader. È noto soprattutto per essere stato un formidabile scopritore di talenti e per aver entusiasticamente diretto una lunga serie di orchestre che ebbero quasi sempre un grande successo anche dopo la fine dell’era delle big band. In questo articolo, esploreremo la vita e la carriera straordinaria di Woody Herman, il “Signore del clarinetto”, e come ha contribuito in modo significativo alla scena musicale dell’epoca.

Chi era Woody Herman e gli inizi della carriera

Woodrow Charles Thomas Herman, noto come Woody Herman, è nato il 16 maggio 1913 a Milwaukee, nel Wisconsin, da Ray e Myrtle Herman. Fin da giovane, Herman aveva una passione per la musica e ha iniziato la sua carriera come sassofonista professionista all’età di soli 15 anni. La sua dedizione e il suo talento lo hanno portato a esibirsi nei vaudeville shows, un tipo di spettacolo di varietà popolare dell’epoca.

Nel corso della sua carriera, Woody Herman ha fatto parte di diverse orchestre, contribuendo alla crescita della sua reputazione musicale. Ha iniziato con l’orchestra di Tom Gerun, dove si è esibito come cantante e ha registrato brani come Lonesome Me e My Heart’s At Ease. Successivamente, ha suonato con le orchestre di Harry Sosnick, Gus Arnheim e Isham Jones. Tuttavia, il momento decisivo si è verificato quando Herman ha assunto il ruolo di Isham Jones, che si era ritirato.

La nascita dei Woodchopper’s Ball

La svolta decisiva nella carriera di Woody Herman è arrivata quando ha fondato la sua orchestra, nota come “Woody Herman and His Orchestra”. Questa band, che presentava anche le voci di Herman e popolari strumentali, ha ottenuto il riconoscimento nel 1937 grazie alle loro trasmissioni radiofoniche. Nel 1939, hanno ottenuto un grande successo con la canzone di Herman intitolata “Woodchopper’s Ball”. Durante gli anni ’40, la band ha sviluppato un carattere più orientato allo swing, influenzato anche da Duke Ellington.

Innovazioni musicali

Woody Herman è stato un pioniere anche in altri modi. È stato il primo a introdurre musiciste donne nella sua orchestra, inclusa una trombettista e una vibrafonista, dimostrando una mentalità aperta e progressista. Inoltre, Herman ha dato una personalità unica alle sue orchestre nel corso degli anni. Nel 1944, ha formato il cosiddetto First Herd, famoso per il suo jazz progressivo e brani come Bijou e Wildroot.  Il nome Herd nasce dalla critica, la quale associava il suono della pronuncia Herman a Herdsman (pastorizia), soprannominando così le band del clarinettista in Herd bands. Nel 1947, ha creato il Second Herd, caratterizzato da un suono “cool” con musicisti del West Coast come Stan Getz e Zoot Sims.

La carriera di Woody Herman ha continuato a evolversi nel corso degli anni. Nel 1950, il Third Herd ha suonato musica più ballabile e ha ottenuto successo con il loro arrangiamento di Stompin’ at the Savoy. Nel 1959, la band è diventata il Thundering Herd e ha abbracciato il bop, con solisti eccitanti come il sassofonista tenore Sal Nistico. Negli anni ’60 e ’70, Herman ha reclutato giovani musicisti che hanno aggiunto un tocco rock alla band.

Fine della carriera ed eredità musicale

Woody Herman ha festeggiato il suo 40° anniversario come band leader con un concerto al Carnegie Hall nel 1976. Nonostante le difficoltà finanziarie, ha continuato a tour fino al 1986, Nel 1985 scriveva Wilson sul New York Times, a proposito di un concerto al Blue Note Jazz Club: “Nel corso di un’ora, Herman ci ha mostrato le sue giovani star: il baritonista Mike Brignola, il bassista Bill Moring, il pianista Brad Williams, il trombettista Ron Stout e ha ricordato a tutti l’asciutto humour con cui interpreta il blues….con gli arrangiamenti di Bill Holman e John Fedchock…. e mostrando tuttora l’influenza di Duke Ellington…”
Nell’87, per il peggioramento della sua salute ha ceduto la responsabilità dell’orchestra a Frank Tiberi. ancora oggi[ dirige l’orchestra. Tiberi affermò di non voler suonare gli arrangiamenti di nessun altro, ma di mantenere il sound che faceva Woody. La sua eredità musicale continua a vivere attraverso le registrazioni e l’influenza che ha avuto su generazioni di musicisti.

Conclusioni

Woody Herman è stato non solo un virtuoso del clarinetto e un notevole bandleader dell’era dello swing, ma anche un innovatore musicale che ha contribuito a plasmare il panorama musicale dell’epoca. La sua capacità di scoprire talenti e la sua volontà di adattarsi alle tendenze musicali del momento lo rendono un’icona della musica swing e un’ispirazione per gli amanti della musica di tutto il mondo. La sua musica rimarrà sempre un punto di riferimento nella storia della musica jazz e swing.

Vuoi lanciarti a ballare i fantastici brani dell’herd Jazz? Allora non aspettare oltre, scegli fra i tantissimi modelli delle nostre originali scarpe swing fatte a mano! Dai un’occhiata al nostro shop Stile Millelire e crea il tuo stile ideale!

Vuoi restare aggiornato su tutto il mondo swing? Continua a seguire il nostro blog, presto nuovissime news da non perdere!

Alla prossima!